image

Bandi RS 2017

 POR CREO FESR 2014-2020

NB: Si ricorda che, come previsto dal con Decreto Dirigenziale n. 13557 del 22.09.2017, i soggetti che sono stati direttamente danneggiati dagli eventi calamitosi dei giorni 9 e 10 settembre 2017 devono allegare alla domanda di aiuto da presentare entro la scadenza del 24 ottobre 2017 la “scheda C di ricognizione dei danni subiti dalle attività economiche e produttive”, disponibile, unitamente al relativo vademecum, in calce alla pagina. Si informa che tale scheda, da consegnare in duplice copia presso la Camera di Commercio della Maremma e del Tirreno, sita in Piazza del Municipio n. 48 a Livorno (dal lunedì al venerdì, ore 8.30-13.30; 15-18) o via mail o PEC a cameradicommercio@pec.lg.camcom.it, ENTRO IL 16 OTTOBRE 2017 ALLE ORE 17:00, dovrà essere allegata alla domanda di aiuto solo successivamente alla presentazione della stessa presso la Camera di Commercio. Il documento inserito in piattaforma dovrà essere lo stesso consegnato alla CCIAA e dovrà pertanto recare evidenza dell'avvenuta ricezione da parte dell'ufficio di cui sopra, pena l'esclusione della domanda di aiuto.

Si comunica che con Decreto Dirigenziale n. 13557 del 22.092017, presente tra gli allegati della pagina, sono stati differiti, alle ore 17:00 del 24.10.2017, i termini di chiusura della piattaforma per il completamento dell'istanza presentata a valere sul Bando 1 “Progetti strategici di ricerca e sviluppo”  e sul Bando 2 “Progetti di ricerca e sviluppo delle MPMI” del POR FESR 2014/2020, in favore dei soggetti colpiti dagli eventi calamitosi di cui al DPGR n. 137/2017 e a DPGR 138/2017. Tra gli allegati è presente, altresì, il modulo denominato "Comunicazione eventi calamitosi" che dovrà essere compilato obbligatoriamente, firmato digitalmente e inviato tramite PEC, contestualmente alla finalizzazione della domanda di aiuto da presentare entro le ore 17:00 del 25 settembre 2017, all'indirizzo legal@pec.sviluppo.toscana.it e in copia all'indirizzo bandirs2017@sviluppo.toscana.it.

Si comunica che con Decreto Dirigenziale n. 10653 del 19.07.2017, presente tra gli allegati nella presente pagina, sono stati prorogati i termini di presentazione delle domande relative al Bando 1 e al Bando 2.

La Regione Toscana con i presenti Bandi:

  • Bando 1 - Progetti Strategici di ricerca e sviluppo
  • Bando 2 - Progetti di ricerca e sviluppo delle MPMI
  • Bando 3 - Progetti di Ricerca e Sviluppo attuativi dei Protocolli di Insediamento

intende agevolare la realizzazione di progetti di investimento in ricerca industriale e sviluppo sperimentale, in attuazione dell’Asse Prioritario 1 “Rafforzare la ricerca, lo sviluppo tecnologico e l’innovazione”, Azione 1.1.5 “Sostegno all’avanzamento tecnologico delle imprese attraverso il finanziamento di linee pilota e azioni di validazione precoce dei prodotti e di dimostrazione su larga scala” del POR FESR Toscana 2014-2020. Gli interventi sono attuati ai sensi del Reg. (UE) n. 651/2014 della Commissione del 17 giugno 2014 che dichiara alcune categorie di aiuti compatibili con il mercato interno in applicazione degli articoli 107 e 108 del Trattato, e in conformità alle disposizioni comunitarie e/o nazionali e regionali vigenti in materia3, nonché dei principi di semplificazione e di riduzione degli oneri amministrativi a carico delle imprese. In particolare, l’obiettivo perseguito dalla Regione Toscana, in attuazione dell’Azione 1.1.5 del POR FESR Toscana 2014-2020, consiste nella concessione di agevolazioni sotto forma di contributi in conto capitale, ai sensi della Delibera di Giunta regionale n. 495/2017 emanata in attuazione della Decisione di Giunta Regionale n. 4/2014. 

I presenti Bandi sono emanati nel rispetto dei principi di cui all'art. 124 della legge n. 241/1990, ai sensi della L.R. 35/2000 e nel rispetto dei principi generali di cui al d.lgs. n. 123/1998. L’investimento oggetto dell’agevolazione deve essere realizzato e localizzato nel territorio della Regione Toscana. In linea con la “Strategia di Ricerca e Innovazione per la Smart Specialisation in Toscana” (RIS3), che richiede di incentrare il sostegno della politica e gli investimenti su fondamentali priorità, sfide ed esigenze basate sulla conoscenza, saranno finanziati esclusivamente progetti di ricerca e sviluppo legati alle priorità tecnologiche ICT/fotonica, fabbrica intelligente, chimica/nanotecnologie ex DGR 1018 del 18 novembre 2014. Saranno quindi finanziati progetti di ricerca e sviluppo che contribuiranno a concentrare il sostegno alla domanda di investimenti del sistema delle imprese su priorità che costituiscano un vantaggio competitivo durevole, basato sulla capacità di diversificazione produttiva e sulla specializzazione tecnologica.

Il Bando 1 finanzia progetti strategici di Ricerca Industriale e Sviluppo Sperimentale realizzati da Grandi Imprese (GI) in cooperazione con Micro, Piccole e Medie Imprese (MPMI), con o senza Organismi di Ricerca (OR). In particolare i Soggetti beneficiari che possono presentare domanda sono Grandi Imprese (GI) in cooperazione con almeno n. 3 Micro, Piccole e Medie Imprese (MPMI) con o senza Organismi di Ricerca (OR).

Il Bando 2 finanzia progetti di Ricerca Industriale e Sviluppo Sperimentale realizzati da Micro, Piccole e Medie Imprese (MPMI), singole o in cooperazione tra loro, con o senza Organismi di Ricerca (OR). In particolare i Soggetti beneficiari che possono presentare domanda sono Micro, Piccole e Medie Imprese (MPMI), singole o in cooperazione tra loro (in numero minimo di 3), con o senza Organismi di Ricerca (OR).

NB: In merito ai requisiti richiesti per il personale interno si precisa che:

  • Personale impiegato in attività di ricerca deve risultare qualificato, nel senso che deve possedere almeno  o un diploma di istruzione terziaria (laurea) o una esperienza professionale pertinente di almeno 5 anni.
  • Personale impiegato in attività di produzione, è soggetto al solo vincolo di  non superare il 35% del personale di ricerca dell'intero progetto (riferite alla somma del costo del personale qualificato di ricerca di tutti i partner).

Precisazione Bando 2: Gli OR possono presentare domanda anche in partenariato con una sola MPMI.

A tal proposito si precisa che le limitazioni relative all'impresa citatate al paragrafo 3.4 "nessuna impresa del raggruppamento può sostenere più del 70% o meno del 5% dei costi ammissibili del progetto di collaborazione" non sussistono in questo specifico caso, mentre permangono le limitazioni per gli OR (non meno del 10% per singolo OR e non più del 30% cumulativamente)

L’accesso ai Bandi 1 e 2 è esteso anche ai liberi professionisti ai sensi della DGR n. 240 del 20 marzo 2017, in quanto equiparati alle piccole e medie imprese come esercenti attività economica, a prescindere dalla forma giuridica rivestita. Pertanto tutte le volte che viene utilizzato il termine “impresa” lo stesso si intende riferito anche alla categoria dei “liberi professionisti”, se non diversamente specificato. Ciascuna impresa sia in qualità di singolo proponente, sia in qualità di capofila oppure di partner, potrà presentare una sola proposta progettuale a valere su uno solo dei Bandi 1, 2 o 3 a pena di inammissibilità delle domande nelle quali lo stesso beneficiario è presente.

Gli Organismi di Ricerca possono presentare domanda, ed essere beneficiari degli aiuti, solo in qualità di partner e mai di capofila del progetto. Per gli Organismi di Ricerca non vale la limitazione relativa alla partecipazione ad una sola proposta progettuale. La domanda di aiuto relativa ai Bandi 1 e 2 deve essere redatta esclusivamente on-line accedendo al sistema informatico di Sviluppo Toscana S.p.A. al sito Internet https://sviluppo.toscana.it/bandi/ e si considera presentata solo ed esclusivamente se inoltrata per via telematica sul sistema informatico di Sviluppo Toscana, a partire dalle ore 9:00 del 03.07.2017 e fino alle ore 17:00 del 25.09.2017, secondo le modalità descritte nei rispettivi due Bandi.

Il Bando 3 finanzia progetti di ricerca e sviluppo che contribuiranno a concentrare il sostegno alla  domanda di investimenti del sistema delle imprese su priorità che costituiscano un vantaggio  competitivo durevole, basato sulla capacità di diversificazione produttiva e sulla specializzazione tecnologica. 

Si precisa, a valere sul Bando 3, che possono presentare domanda soltanto GI e MPMI che hanno presentato progetti di R&S, di cui alla graduatoria approvata con DD 1419/2016 relativa all’Avviso sui protocolli di Insediamento (DD 6695/2014) che non sono stati finanziati per carenza di risorse. La domanda di aiuto relativa al Bando 3 deve essere redatta esclusivamente on-line accedendo al sistema informatico di Sviluppo Toscana S.p.A. al sito Internet https://sviluppo.toscana.it/bandi/ e si considera presentata solo ed esclusivamente se inoltrata per via telematica sul sistema informatico di Sviluppo Toscana, a partire dalle ore 9:00 del 03.07.2017 e fino alle ore 17:00 del 04.08.2017, secondo le modalità descritte nei rispettivi due Bandi. 

Per tutti i 3 Bandi sono disponibili le seguenti email dedicate:

 

Unione EuropeaRepubblica ItalianaPAR FAS 2007-2013POR FSE 2007-2013POR CREO 2007-2013PRSE 2007-2010

Copyright © 2012-2015. Tutti i Diritti Riservati.

Sviluppo Toscana S.p.A. con socio unico Cap. Soc. € 7.323.141,00 i.v. | Via Cavour, 39 - 50129 Firenze | Cod. Fisc./P.I. 00566850459 R.I. di Firenze 00566850459