image

Accesso Intranet

incubatori Toscani
Toscana Economia
Regione Toscana

Bando Energia 1 (rendicontazione)

POR FESR 2014-2020 

“Bando 1 - Aiuti a progetti di efficientamento energetico”

L’erogazione dell’aiuto (Anticipo / Stato Avanzamento Lavori / Saldo) avviene su istanza del Beneficiario inoltrata a Sviluppo Toscana tramite l’utilizzo di apposita piattaforma rendicontazione on line accessibile cliccando il seguente link: https://sviluppo.toscana.it/rendicontazione/bandoenergia1/

I beneficiari potranno accedere alla piattaforma rendicontazione utilizzando Login e Psw utilizzate per l’accesso alla piattaforma di presentazione della domanda di finanziamento. La domanda on line andrà sottoscritta e firmata digitalmente dal legale rappresentante dell’impresa beneficiaria corredata dalla fotocopia di un valido documento di riconoscimento. Si rammenta che potrà essere esaminata esclusivamente la domanda debitamente compilata e correttamente presentata on line. In particolare si richiede di caricare la domanda firmata digitalmente e di chiudere la procedura premendo il pulsante “PRESENTA DOMANDA”. Per quanto concerne le modalità informatiche di presentazione della domanda di Anticipo / Stato Avanzamento Lavori / Saldo, si prega di far riferimento alle  “Linee guida Rendicontazione e richiesta erogazione” scaricabili dalla presente pagina web.

Erogazione dell’anticipo e garanzia fideiussoria

ll Bando n.1 “Aiuti a progetti di efficientamento energetico degli immobili”, approvato con Decreto Dirigenziale del 05 Dicembre 2014 n. 5731,  consente l'erogazione di un'anticipazione pari al 60% del contributo totale di progetto. L’anticipo è subordinato alla presentazione contestuale di una garanzia fideiussoria. Tale garanzia dovrà coprire capitale, interessi ed interessi di mora, ove previsti, oltre alle spese della procedura di recupero, e coprire una arco temporale di un ulteriore semestre rispetto al termine previsto per la conclusione delle verifiche. Il modello di garanzia fideiussoria approvato dalla Regione Toscana con decreto n. 4712 del 21-06-2016 è scaricabile dalla presente pagina web. Per quanto concerne la polizza si ricorda che questa potrà essere sottoscritta digitalmente ovvero in cartaceo. Nella seconda ipotesi dovrà essere inserita copia debitamente firmata e scansionata nell'apposito upload ed inviato l'originale a Sviluppo Toscana S.p.A., via Dorsale 13, 54100 Massa (MS), alla cortese attenzione del dott. Giuseppe Strafforello e la busta dovrà riportare la dicitura "Contiene Fidejussione" ed i riferimenti del bando. La polizza dovrà essere corredata di autentica della firma e attestazione dei relativi poteri. La domanda di erogazione di anticipo deve essere presentata sulla piattaforma on line si compone di:

  • garanzia fidejussoria, di cui al paragrafo 7.3 del bando, sulla base dello schema approvato dalla Regione Toscana con decreto n. 4712 del 21-06-2016 scaricabile dalla presente pagina web.  
  • dichiarazioni sostitutive del certificato di iscrizione alla CCIAA e dei familiari conviventi  necessarie ai fini del controllo antimafia rilevante solo per le Imprese che ricevono un contributo maggiore di 150.000 euro. 

Per maggiori dettagli si prega di far riferimento al Bando ed in particolare al paragrafo 7.3 

Primo periodo di rendicontazione e domanda a titolo di stato di avanzamento – obbligatoria 

Il primo periodo di rendicontazione si conclude entro 12 mesi decorrenti dalla data di pubblicazione sul BURT del provvedimento di concessione indipendentemente dalla data di avvio progetto. Entro 45 giorni dalla conclusione di tale primo periodo il beneficiario deve rendicontare il 30% dell’investimento ammesso. La domanda di pagamento a titolo di SAL deve essere presentata sulla piattaforma on line unitamente alla rendicontazione dei costi sostenuti e si compone di:

  • relazione intermedia a firma del Beneficiario, di cui al paragrafo 8.1 del bando, elaborata in base allo schema disponibile e scaricabile dalla presente pagina web.
  • Fatture o documenti contabili di equivalente valore probatorio, completi di documentazioni relativa al pagamento, rappresentata dalla ricevuta contabile del bonifico o altro documento (bancario) relativo allo strumento di pagamento prescelto,  di cui sia documentato il sottostante movimento finanziario, con indicazione nella casuale degli estremi del titolo di spesa a cui il pagamento si riferisce (normativa antiriciclaggio D.Lgs 231/07 ), come indicato all’allegato G del bando “spese ammissibili – non ammissibili e rendicontazione”. 
  • Schede di monitoraggio compilabili direttamente on line sulla piattaforma.
  • Dichiarazioni sostitutive del certificato di iscrizione alla CCIAA e dei familiari conviventi  necessarie ai fini del controllo antimafia rilevante solo per le Imprese che ricevono un contributo maggiore di 150.000 euro. 

Nel caso non sia stata presentata la domanda di anticipo, il beneficiario presenta contestualmente alla rendicontazione la domanda di pagamento, a titolo di stato avanzamento lavori, nella misura di almeno il 30% del contributo concesso. La mancata rendicontazione delle spese per almeno del 30% dell’investimento e o la mancata presentazione della relazione tecnica di medio periodo (di cui al paragrafo 8.1 del bando) sarà considerata come rinuncia implicita dei beneficiari alla realizzazione del progetto e, trascorsi ulteriori 30 giorni dalla scadenza dei termini, determinerà la revoca dell’intero finanziamento secondo le modalità e i termini stabiliti al successivo paragrafo 8 del bando. Per quanto concerne le modalità di rendicontazione delle spese ammissibili si rinvia a quanto stabilito nell’allegato G del bando “Spese ammissibili - non ammissibili e rendicontazione” ed alle linee guida sulla presentazione della domanda e sulle modalità di rendicontazione, allegati alla presente pagina web. Per maggiori dettagli si prega di far riferimento al Bando ed in particolare al paragrafo 7.4 

Domanda a saldo – obbligatoria 

Il secondo ed ultimo periodo di rendicontazione si conclude entro 24 mesi decorrenti dalla data di pubblicazione sul BURT del provvedimento di concessione indipendentemente dalla data di avvio progetto, salvo proroghe concesse ai sensi del paragrafo 3.3. Entro 45 gg dalla conclusione del secondo periodo di rendicontazione il beneficiario deve rendicontare la parte residua dell’investimento ammesso e presentare la domanda di pagamento a titolo di saldo. La domanda di pagamento a titolo di SALDO deve essere presentata sulla piattaforma on line unitamente alla rendicontazione dei costi sostenuti e si compone di:

  • Relazione finale a firma del rappresentante legale del Beneficiario con allegata Relazione Tecnica firmata da un tecnico abilitato all’esercizio della professione. In tali due documenti devono essere illustrati gli obiettivi in termini di risparmio energetico conseguiti e la loro coerenza e correlazione con le finalità del bando al fine di comparare i dati indicati in sede di domanda con quelli derivanti dalla realizzazione dell’intervento. Sia la relazione finale che la relazione tecnica devono essere elaborate utilizzando il modello di schema fornito dalla Regione Toscana e disponibile e scaricabile dalla presente pagina web.  
  • Fatture o documenti contabili di equivalente valore probatorio, completi di documentazione relativa al pagamento, rappresentata dalla ricevuta contabile del bonifico o altro documento (bancario) relativo allo strumento di pagamento prescelto,  di cui sia documentato il sottostante movimento finanziario, con indicazione nella casuale degli estremi del titolo di spesa a cui il pagamento si riferisce (normativa antiriciclaggio D.Lgs), come indicato all’allegato G del bando “spese ammissibili – non ammissibili e rendicontazione”. 
  • Schede di monitoraggio compilabili direttamente on line sulla piattaforma.
  • Certificato di regolare esecuzione delle opere e/o dichiarazioni di conformità degli impianti.

Il soggetto beneficiario deve realizzare l’investimento secondo le modalità previste nel progetto e comunque nella misura minima del 70% dell’investimento ammesso. Per maggiori dettagli si prega di far riferimento al Bando ed in particolare al paragrafo 7.5. Qualsiasi informazione relativa alle domande di erogazione ed alla presentazione della rendicontazione può essere richiesta al seguente indirizzo di posta elettronica: controllienergia@sviluppo.toscana.it

 

Unione EuropeaRepubblica ItalianaPAR FAS 2007-2013POR FSE 2007-2013POR CREO 2007-2013PRSE 2007-2010

Copyright © 2012-2015. Tutti i Diritti Riservati.

Sviluppo Toscana S.p.A. con socio unico Cap. Soc. € 7.323.141,00 i.v. | Via Cavour, 39 - 50129 Firenze | Cod. Fisc./P.I. 00566850459 R.I. di Firenze 00566850459