image

Bando Start Up House - Manifatturiero

POR CREO FESR 2014-2020

Bando Start Up House Imprese Giovanili Settore Manifatturiero

Il bando rientra nell'ambito del progetto

Giovanisì - Regione Toscana - www.giovanisi.it

Finalità

Con il “Progetto Pilota Start-Up house di cui alla Deliberazione n.833/2014 e n. 929/2014 – Azione 1.2. Voucher imprese giovanili settore manifatturiero”, approvato con Decreto Dirigenziale del 12 Dicembre 2014 n. 6438, pubblicato sul BURT n. 2 del 14/01/2015, attualmente in vigore, la Regione Toscana, nel sostenere le imprese di nuova costituzione ed i processi d’innovazione diffusa nel sistema produttivo toscano, intende favorire la creazione d’imprese giovanili, supportandole mediante la messa a disposizione di spazi attrezzati e servizi di affiancamento e tutoraggio per lo svolgimento dell’attività d’impresa. Tale intervento viene attuato in conformità alle disposizioni comunitarie e/o nazionali e regionali vigenti in materia e dei principi di semplificazione e di riduzione degli oneri amministrativi a carico delle imprese. 

In linea con la strategia di Ricerca e Innovazione per la “Smart Specialisation in Toscana”, che richiede di incentrare il sostegno della politica e gli investimenti su fondamentali priorità, sfide ed esigenze basate sulla conoscenza, saranno finanziati progetti di innovazione legati alle seguenti priorità tecnologiche orizzontali indicate dalla stessa Smart Specialistion (Allegato A del Bando):

  • ICT e FOTONICA;
  • FABBRICA INTELLIGENTE;
  • CHIMICA e NANOTECNOLOGIA.

Destinatari

Possono presentare domanda domanda di aiuto a valere sul presente Bando le nuove imprese giovanili

In particolare, ai fini del presente intervento, si definiscono:

- “nuove imprese”: le Micro, Piccole e Medie Imprese (MPMI), in forma singola o associata in ATS, ATI, Reti di imprese senza personalità giuridica (Rete-Contratto), Reti di imprese con personalità giuridica (Rete-Soggetto), Consorzi, la cui costituzione è avvenuta nel corso dei due anni precedenti dalla data di presentazione della domanda. La data di costituzione coincide:

  • per le imprese individuali, con la data di iscrizione alla Camera di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura;
  • per le società di persone, con la data di costituzione risultante dall’atto costitutivo e dal certificato di iscrizione alla Camera di Commercio Industria, Artigianato e Agricoltura;
  • per le società di capitali, con la data di iscrizione nel Registro delle Imprese risultante dal certificato di iscrizione alla Camera di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura;

- “giovanili”, così nel dettaglio definite:

  • per le imprese individuali, l’età del titolare dell’impresa non deve essere superiore a quaranta anni al momento della costituzione dell’impresa medesima;
  • per le società, l’età dei rappresentanti legali e di almeno il cinquanta per cento dei soci che detengono almeno il cinquantuno per cento del capitale sociale non deve essere superiore a quaranta anni al momento della costituzione della società medesima; il capitale sociale deve essere interamente sottoscritto da persone fisiche;
  • per le cooperative, l’età dei rappresentanti legali e di almeno il cinquanta per cento dei soci lavoratori che detengono almeno il cinquantuno per cento del capitale sociale non deve essere superiore a quaranta anni al momento della costituzione della società medesima.

Le nuove imprese giovanili devono esercitare un’attività identificata come prevalente rientrante in uno dei seguenti Codici ATECO ISTAT 2007:

  • B – Estrazione di minerali da cave e miniere;
  • C - Attività manifatturiere;
  • D - Fornitura di energia elettrica, gas, vapore e aria condizionata;
  • E – Fornitura di acqua; reti fognarie, attività di gestione dei rifiuti e risanamento;
  • F – Costruzioni;
  • G – Commercio all’ingrosso e al dettaglio limitatamente al gruppo 45.2 e alla categoria 45.40.3;
  • H – Trasporto e magazzinaggio, ad esclusione dei gruppi 49.39.01e 52.22.0 e 52.22.09;
  • J – Servizi di informazione e comunicazione, ad esclusione delle divisioni 58, 59 e 60 e dei gruppi 63.91;
  • M – Attività professionali, scientifiche e tecniche ad esclusione della classe 71.11, 73.11, 74.2 e 74.3;
  • N – Noleggio, agenzie di viaggio, servizi di supporto alle imprese ad esclusione della divisione 79 , dei gruppi 77.22 e 82.3 e della categoria 77.21.02;
  • Q – Sanità e assistenza sociale ad esclusione del gruppo 86.1;
  • S – Altre attività di servizi, limitatamente alle divisioni 95 e 96 con esclusione della categoria 96.04.2.

Localizzazione

Tutto il territorio della Regione Toscana.

Tipologia di spese ammissibili 

Ai sensi dell’art. 28 del Reg. (UE) n. 651/2014, sono ammissibili i costi per i servizi di consulenza e di sostegno all’innovazione, meglio dettagliati nelle “Linee guida delle spese ammissibili e per la relativa rendicontazione” allegate al Bando. Le spese per le quali è concesso l’aiuto sono relative a servizi finalizzati all’utilizzo di spazi attrezzati e infrastrutturati, comprensivi di servizi immobiliari di base (portineria, guardiania e sicurezza, pulizia, reti telefoniche e internet), servizi di affiancamento e tutoraggio (non comprensivi di servizi amministrativi di base contabilità, legale, tributario). Le caratteristiche delle spese ammissibili sono dettagliate nel Catalogo dei servizi avanzati e qualificati per le imprese toscane”, approvato con decreto 4983 del 05/11/2014 tipologia B 4.1.2 (Allegato B del Bando).

Forma e misura dell'agevolazione 

L'agevolazione per la realizzazione del progetto di investimento è concessa nella forma di voucher come contributo in conto capitale nella misura del 100% dell'investimento ammissibile, con erogazione mediante utilizzo della delega di pagamento ai sensi dell’art. 1269 c.c.

In riferimento alla tipologia di servizio B 4.1.2 di cui al “Catalogo dei servizi avanzati e qualificati per le imprese toscane”, il Bando prevede i seguenti massimali di costo per ogni progetto:

  • l’investimento massimo ammissibile non può superare € 36.000,00
  • l’investimento minimo ammissibile, in relazione alle dimensioni dell’impresa è pari a:
    • per la Microimpresa Euro 10.000,00;
    • per la Piccola impresa Euro 12.500,00;
    • per la Media impresa, Consorzi, ATI/RTI e Contratti di rete Euro 20.000,00.

Scadenza

La presentazione delle domande di aiuto a valere sul presente Bando sarà possibile dalle ore 9:00 del 15/01/2015 alle ore 17:00 del 16/11/2015.

Modalità di presentazione domande 

Le domande di aiuto dovranno essere redatte e presentate esclusivamente on-line accedendo al Sistema Informatico di Sviluppo Toscana S.p.A., al seguente indirizzo URL: https://sviluppo.toscana.it/bandi/ secondo le modalità descritte nell'apposito documento “Istruzioni per la presentazione della domanda e schema di domanda” allegato al Bando. La modulistica per la presentazione della domanda deve essere compilata sul Sistema Informatico ovvero sarà resa disponibile sullo stesso, nel caso debba essere compilata separatamente e poi caricata sul sistema in upload. 

Qualsiasi informazione relativa al Bando e agli adempimenti ad esso connessi può essere richiesta ai seguenti indirizzi di posta elettronica:

 

Unione EuropeaRepubblica ItalianaPAR FAS 2007-2013POR FSE 2007-2013POR CREO 2007-2013PRSE 2007-2010

Copyright © 2012-2015. Tutti i Diritti Riservati.

Sviluppo Toscana S.p.A. con socio unico Cap. Soc. € 7.323.141,00 i.v. | Via Cavour, 39 - 50129 Firenze | Cod. Fisc./P.I. 00566850459 R.I. di Firenze 00566850459