image

Bando Distretti Tecnologici

Bando Distretti Tecnoclogici


Finalità

La Regione Toscana, con Decreto Dirigenziale n. 127 del 20 gennaio 2016 - pubblicato sul B.U.R.T. Parte Terza n. 5 del 03/02/2016, Supplemento n. 18 – e integrato con D.D. n. 802 del 1 marzo 2016, ha approvato il bando “Distretti tecnologici”, in attuazione dell’Asse Prioritario 1 “Rafforzare la ricerca, lo sviluppo tecnologico e l’innovazione” del “Programma operativo regionale (POR) FESR 2014-2020. Obiettivo Investimenti in favore della crescita e dell’occupazione. Regione Toscana: tornare a crescere”. Nell'ambito delle politiche regionali di trasferimento tecnologico, l'intervento ha la finalità di agevolare le attività di trasferimento tecnologico all’interno dei Distretti tecnologici, mediante l’individuazione di Soggetti Gestori ed il sostegno alle attività di gestione del Distretto. Verranno finanziate le attività collaborative di R&S per l’attività di diffusione ai fini dello sviluppo di nuove tecnologie, di nuovi prodotti e servizi realizzate dalle aggregazioni pubblico-private già avviate, come i Distretti Tecnologici. In particolare, l'attivazione di percorsi di diffusione tecnologica e di azioni di intelligenza economica, finalizzate a stimolare ed incrementare la capacità di assorbimento di nuova conoscenza soprattutto da parte delle PMI.

Priorità tecnologiche

In linea con la “Strategia di Ricerca e Innovazione per la Smart Specialisation in Toscana” saranno finanziate esclusivamente le attività di gestione dei Distretti tecnologici rilevanti per il sistema regionale e legate alle priorità tecnologiche indicate dalla stessa Smart Specialisation:

  • ICT e FOTONICA;
  • FABBRICA INTELLIGENTE;
  • CHIMICA e NANOTECNOLOGIA.

Soggetti beneficiari 

Possono partecipare al bando i candidati Gestori dei Distretti tecnologici. Può svolgere la funzione di Gestore del Distretto uno dei seguenti soggetti:

a) un centro di servizi alle imprese aderente alla Tecnorete, a totale partecipazione pubblica o misto pubblico-privata o un organismo di ricerca. La Tecnorete è stata prevista con DGR n. 227/2009, successivamente integrata con DGR n. 1166 del 19/12/2011.

b) un Consorzio, una società consortile a partecipazione pubblica o una Rete di soggetti associati mediante contratto di Rete, ai sensi della L. n. 33 del 09/04/2009 e ss.mm. (rete-soggetto) (reti c.d. di tipo “b”) costituita tra i seguenti soggetti:

  • centri di servizio alle imprese aderenti alla Tecnorete;
  • organismi di ricerca;
  • associazioni di categoria (direttamente o mediante proprie società di servizi integralmente partecipate);
  • imprese aderenti al Distretto.

Realizzazione e localizzazione

Tutto il territorio della Regione Toscana.

Ambiti settoriali di intervento

Le domande possono essere presentate con riferimento agli ambiti tecnologici applicativi dei seguenti Distretti tecnologici, approvati con DGR n. 566 del 07/07/2014:

  1. Distretto tecnologico regionale Moda;
  2. Distretto tecnologico Interni e Design;
  3. Distretto tecnologico marmo e pietre ornamentali;
  4. Distretto tecnologico regionale Scienze della vita;
  5. Distretto tecnologico regionale Nuovi materiali;
  6. Distretto tecnologico regionale Automotive e meccanica;
  7. Distretto tecnologico per la nautica e la portualità;
  8. Distretto tecnologico ferroviario;
  9. Distretto tecnologico regionale Energia/Economia verde;
  10. Distretto tecnologico regionale FORTIS;
  11. Distretto tecnologico regionale Smart city/turismo/beni culturali;
  12. Distretto tecnologico cartario.

Modalità e termini di presentazione della domanda 

La domanda di contributo deve essere redatta esclusivamente on-line previa registrazione sul sistema di Accesso Unico ai bandi (AU) di Sviluppo Toscana, accedendo al sistema informatico di Sviluppo Toscana S.p.A. al sito Internet https://sviluppo.toscana.it/bandi/ e si considera presentata solo ed esclusivamente se inoltrata, firmata digitalmente, per via telematica sul sistema informatico di Sviluppo Toscana S.p.A., a partire dalle ore 9.00 del 15/03/2016 alle 17.00 del 15/04/2016

La firma digitale dovrà essere apposta utilizzando dispositivi conformi alle Regole tecniche previste in materia di generazione, apposizione e verifica delle firme elettroniche avanzate, qualificate e digitali (per ogni informazione: http://www.agid.gov.it/identita-digitali/firmeelettroniche/ certificatori-attivi). A tale proposito si informa che con Deliberazione CNIPA 45/09, sono state introdotte modifiche nei formati di firma digitale dei documenti, con utilizzo di nuovi algoritmi. Pertanto dall'1/07/2011 l'unico algoritmo valido per la firma digitale è quello denominato SHA-256 supportato dalle ultime versioni di Dike e altri applicativi conformi al regolamento CNIPA. Le domande di aiuto firmate digitalmente con algoritmi non conformi alla Deliberazione CNIPA sopracitata (SHA-1) non saranno pertanto ritenute ammissibili.

Qualsiasi informazione relativa al Bando e agli adempimenti ad esso connessi può essere richiesta ai seguenti indirizzi di posta elettronica:

E' disponibile, inoltre, un servizio di chat on-line, accessibile direttamente dal sistema  informatico, dalle ore 09:00 alle ore 12:00 e dalle ore 15:00 alle ore 17:00. Si specifica, in ogni caso, che tutte le ulteriori modalità di presentazione delle domande sono dettagliate all'interno dell'allegato H del Bando.

 

Unione EuropeaRepubblica ItalianaPAR FAS 2007-2013POR FSE 2007-2013POR CREO 2007-2013PRSE 2007-2010

Copyright © 2012-2015. Tutti i Diritti Riservati.

Sviluppo Toscana S.p.A. con socio unico Cap. Soc. € 7.323.141,00 i.v. | Via Cavour, 39 - 50129 Firenze | Cod. Fisc./P.I. 00566850459 R.I. di Firenze 00566850459