image

Accesso Intranet

incubatori Toscani
Toscana Economia
Regione Toscana

Bando PEM (rendicontazione)

Concessione di piccoli prestiti d'emergenza per microimprese (PEM)
(L.R. 77/2012, art. 31-bis)


Con i Decreti Dirigenziali n. 2215 del 23/05/2014 e n. 2248 del 27/05/2014, pubblicati sul BURT n. 23 dell'11/06/2014, sono stati approvati gli elenchi delle domande ammesse e non ammesse al finanziamento, sul Bando Pem, i cui documenti sono consultabili nella sezione “Bandi Scaduti”, alla voce “Bando Pem”.

Modalità di rendicontazione

Le spese sono ammissibili dal giorno successivo alla presentazione della domanda di aiuto e dovranno concludersi entro l'ultimo giorno del nono mese successivo a quello di sottoscrizione del contratto di finanziamentoLa rendicontazione delle spese effettuate dev'essere effettuata entro 30 giorni dall'ultimo giorno del nono mese successivo a quello di sottoscrizione del contratto di finanziamento (30 aprile per i soggetti beneficiari che hanno sottoscritto il contratto di finanziamento entro il 30/06/2014 – 30 maggio  per i soggetti beneficiari che hanno sottoscritto il contratto di finanziamento entro l'11/07/2014). 

La rendicontazione dovrà essere presentata on-line sul Sistema Gestionale di Sviluppo Toscana S.p.A. al seguente link: https://sviluppo.toscana.it/rendicontazione/pem/, utilizzando le medesime chiavi di accesso rilasciate in fase di presentazione della domanda di aiuto.

I Beneficiari dovranno compilare la tabella riepilogativa dei costi sostenuti, indicando gli estremi dei giustificativi di spesa ed allegare, per ogni spesa sostenuta:

  • - copia conforme all’originale di fatture, notule o altri documenti di equivalente valore probatorio, con esplicita descrizione della fornitura eseguita;
  • - copia conforme all’originale degli atti di compravendita relativi all’acquisizione di attivi materiali e immateriali;
  • - copia dei giustificativi di spesa, debitamente quietanzati e corredati dalla relativa dimostrazione di pagamento (bonifici, assegni circolari, assegni bancari non trasferibili, ri.ba e rid dai quali si evinca l'importo ed il nominativo del percipiente, corredati da estratto conto bancario attestante l'effettivo e definitivo esborso finanziario);

Documenti giustificativi di spesa

I documenti giustificativi di spesa dovranno essere prodotti in copia conforme all’originale con timbro/dicitura “copia conforme all’originale” con firma del legale rappresentante ed riportare la seguente dicitura: “Bando per la concessione di piccoli prestiti d'emergenza per microimprese (PEM) - Spesa rendicontata imputata sul progetto CUP n. __________________ per Euro _____”.

Come documenti attestanti il pagamento verranno accettati: 

  • - in caso di bonifico bancario: copia dell’estratto conto e copia della disposizione di bonifico;
  • - in caso di assegno bancario: copia della matrice e copia dell’estratto conto bancario dal quale si evinca l’incasso e la valuta;
  • - in caso di assegno circolare: copia dell’assegno;
  • - in caso di ri.ba.: copia della ricevuta bancaria comprovante l’avvenuto pagamento (non è, quindi, sufficiente il solo avviso di scadenza).

Non sono ammissibili i pagamenti in contanti, fatta eccezione per le spese di costituzione e per il costo dell’inoltro della domanda tramite RETE PEM, per un importo complessivo massimo di € 100,00.

Variazioni delle spese

Premesso che la realizzazione parziale del progetto, fermo restando l’importo minimo di spesa di euro 5.000,00, dà luogo ad una rimodulazione dell’aiuto e del piano di rientro, riferiti ai soli costi effettivamente rendicontati ed ammessi in rapporto a quelli previsti dal piano finanziario e che tale rapporto dovrà mantenersi nella misura minima del 60%, precisiamo che saranno possibili variazioni rispetto alle spese previste, a condizione che le spese effettuate e rendicontate rientrino comunque nella tipologia di spese ammissibili e che il totale di quanto rendicontato non sia inferiore alla suddetta percentuale.

Si ricorda, infine, che ai sensi della L.R. n. 35/200022, ed in alternativa alle procedure ordinarie, la regolare rendicontazione amministrativo-contabile delle attività svolte dalle imprese potrà essere verificata e attestata da parte di soggetti iscritti nel Registro dei Revisori Legali, mediante una relazione tecnica ed un’attestazione rilasciata in forma giurata e con esplicita dichiarazione di responsabilità.

Contatti

Per l'assistenza sulle modalità di rendicontazione è possibile rivolgersi all'indirizzo PEC: asa-controlli@pec.sviluppo.toscana.it indicando nell'oggetto della comunicazione la dicitura “rendicontazione”.

 

 

File: 
AllegatiDimensione
PDF icon Linee Guida Rendicontazione PEM93.57 KB
Unione EuropeaRepubblica ItalianaPAR FAS 2007-2013POR FSE 2007-2013POR CREO 2007-2013PRSE 2007-2010

Copyright © 2012-2015. Tutti i Diritti Riservati.

Sviluppo Toscana S.p.A. con socio unico Cap. Soc. € 7.323.141,00 i.v. | Via Cavour, 39 - 50129 Firenze | Cod. Fisc./P.I. 00566850459 R.I. di Firenze 00566850459