image

Bando Internazionalizzazione 2016

POR FESR 2014-2020 – Azione 3.4.2

 Bando Internazionalizzazione 2016

Si comunica che è in fase di certificazione Decreto Dirigenziale con il quale, a parziale rettifica di quanto disposto dal paragrafo 2.1, sesto capoverso, del Bando, viene stabilito che saranno ammissibili domande presentate dai beneficiari di precedenti edizioni del presente Bando, purchè gli stessi procedano ad inoltrare la rendicontazione delle spese ammesse entro la data di pubblicazione sul BURT del provveddimento di concessione dell'aiuto a valere sul presente Bando. Alla data di approvazione della graduatoria, qualora la rendicontazione non sia ancora stata presentata, l'ammissione della domanda verrà disposta con riserva, la quale verrà sciolta al momento della pubblicazione del relativo Decreto sul BURT.

Si comunica che in data 15.04.2016 è stato certificato il D.D. 1941 avente ad oggetto integrazioni e modifiche al bando approvato con D.D. 1540 del 22/03/16. Il testo integrato del bando e il relativo decreto sono disponibili tra gli allegati della presente pagina.

Finalità dell'intervento

La Regione Toscana con il presente bando, approvato con D.D. 1540 del 22/03/2016 intende agevolare la realizzazione di progetti di investimento finalizzati all’internazionalizzazione delle micro, piccole e medie imprese (MPMI), in attuazione della linea d’intervento 1.2.a.2 del PRSE 2012-2015 e della linea di azione 3.4.2 sub a) e sub b) del POR CReO Fesr 2014-2020, in conformità alle disposizioni comunitarie, nazionali e regionali vigenti in materia nonché dei principi di semplificazione e di riduzione degli oneri amministrativi a carico delle imprese. In particolare, l’obiettivo perseguito dalla Regione Toscana consiste nella concessione di agevolazioni sotto forma di contributo in conto capitale, anche nella forma di voucher (limitatamente alle spese rivolte a fornitori nazionali), ai sensi del Regolamento n. 1407/2013, della Commissione relativo all'applicazione degli artt. 87 e 88 del Trattato agli aiuti d'importanza minore (“de minimis”).

Dotazione Finanziaria

La dotazione finanziaria complessivamente disponibile per l'apertura del bando per l'annualità 2016 sull'azione 3.4.2 POR Creo Fesr 2014-2020 è pari ad € 1.435.860,89 così ripartiti:

  • per l'Azione 3.4.2. sub a) denominata "Internazionalizzazione del sistema produttivo regionale: aiuti export MPMI manifatturiero": l'importo di € 396.508,82
  • per l'Azione 3.4.2. sub b) denominata "Internazionalizzazione e promozione sui mercati esteri del sistema dell’offerta turistica delle MPMI": l'importo di € 1.039.352,07.

Al fine di aumentare l’efficacia dell’intervento finanziario, le risorse finanziarie possono essere incrementate mediante:

  • le economie che si verranno a determinare sui bandi dell'azione 3.4.2 destinate (salvo diverso indirizzo della Giunta Regionale) agli stessi annualmente aperti e al finanziamento delle relative graduatorie attive;
  • le eventuali economie di stanziamento, di cui all'Azione 3.4.2 POR Creo Fesr 2014-2020 relative all'annualità 2015, nel rispetto delle caratteristiche ed entità dell’aiuto, tramite apposito provvedimento, a seguito dell'approvazione del rendiconto 2015 per il tramite della legge di assestamento del Bilancio 2016.

Destinatari

Possono presentare domanda Micro, Piccole e Medie Imprese (MPMI) in forma singola o associata in RTI/ATS, Reti di imprese con personalità giuridica (Rete-Soggetto), Reti di imprese senza personalità giuridica (Rete-Contratto), Consorzi, Società Consortili (costituiti o costituendi), esercitanti un’attività identificata come prevalente rientrante in uno dei seguenti Codici ATECO ISTAT 2007:

  • SEZ. B Estrazione di minerali da cave e miniere ad esclusione del gruppo 05.1, 05.2 e della classe 08.92
  • SEZ. C Attività manifatturiere, ad esclusione del gruppo 19.1
  • SEZ. D Fornitura di energia elettrica, gas, vapore e aria condizionata
  • SEZ. E Fornitura di acqua, reti fognarie, attività di gestione dei rifiuti e risanamento
  • SEZ F Costruzioni
  • SEZ I Servizi di alloggio e ristorazione, limitatamente ai codici 55.1, 55.2, 55.3, 55.9
  • SEZ. H Trasporto e magazzinaggio ad esclusione dei gruppi 49.1, 49.3, 50.1, 50.3, 51.1, 51.2, 53.1, e 53.2
  • SEZ. J Servizi di informazione e comunicazione, ad esclusione della divisione 60 e dei gruppi 61.9 e 63.9
  • SEZ. M Attività professionali, scientifiche e tecniche
  • SEZ N Noleggio, agenzie di viaggio, servizi di supporto alle imprese, limitatamente ai codici 79 e 82.3
  • SEZ. R Attività artistiche, di intrattenimento e divertimento, limitatamente ai gruppi 90.03.02 e 93.29.20
  • SEZ. S Altre attività di servizi, limitatamente alla categoria 96.01.1

ed in possesso dei requisiti di ammissibilità disciplinati ai paragrafi 2.1 e 2.2 del presente bando.

Localizzazione

Tutto il territorio della Regione Toscana.

Spese ammissibili

Per la definizione dei servizi e delle attività ammissibili per ciascuna specifica tipologia si rimanda alla sezione C del Catalogo approvato con D.D. 1389 del 30/03/2016. Le spese per l’acquisizione di servizi all’internazionalizzazione ammissibili all’aiuto conformemente a quanto previsto dal Regolamento (CE) n. 1407/2013 sono riconducibili alle seguenti tipologie:

  • C.1 - Partecipazione a fiere e saloni di rilevanza internazionale
  • C.2 - Promozione di prodotti e servizi su mercati internazionali mediante utilizzo di uffici o sale espositive all’estero
  • C.3 - Servizi promozionali
  • C.4 - Supporto specialistico all’internazionalizzazione
  • C.5 - Supporto all'innovazione commerciale per la fattibilità di presidio su nuovi mercati

Si specifica è ammessa la partecipazione a fiere e saloni internazionali da svolgersi in Paesi esterni all'UE. E' ammessa anche la partecipazione a Fiere e saloni nell'ambito dell'UE, purchè di rilevanza internazionale. Gli eventi che hanno sede in Italia di rilevanza internazionale sono elencati nel Calendario fieristico nazionale 2016 (allegato I).

Durata e termini di realizzazione del progetto

L’inizio del progetto è stabilito convenzionalmente nel primo giorno successivo alla data di pubblicazione sul BURT del provvedimento amministrativo di concessione dell’aiuto. Poiché le spese sono ammissibili dal giorno successivo alla data di presentazione dell'domanda di aiuto, i beneficiari dei contributi hanno la facoltà di dare inizio al progetto a decorrere dal giorno successivo alla data di inoltro della domanda, quindi in data anteriore alla pubblicazione sul BURT del provvedimento amministrativo di concessione dell’aiuto. Solo relativamente all'attività della tipologia C.1 del Catalogo relativa alle spese per la partecipazione a fiere e saloni di rilevanza internazionale, limitatamente alle spese per la locazione dello spazio espositivo, sono ammissibili le spese sostenute a partire dal 01 aprile 2015. I progetti di investimento dovranno concludersi entro 12 mesi dalla data di pubblicazione sul BURT del provvedimento di concessione dell’aiuto, con possibilità di richiesta di proroga adeguatamente motivata comunque non superiore a 3 mesi. 

Forma e misura dell'agevolazione 

Il costo totale del progetto presentato a valere sul presente bando deve essere compreso tra i valori riportati nella seguente tabella.

 Tipologia di Beneficiario Investimento minimo attivabile Investimento massimo
attivabile
Micro Impresa € 10.000,00 € 150.000,00
Piccola Impresa € 12.500,00 € 150.000,00
Media Impresa € 20.000,00 € 150.000,00
Consorzio/Soc.consortile/Rete-soggetto € 35.000,00 € 400.000,00
RTI/Rete-Contratto Somma degli importi minimi previsti per la singola impresa partner (€ 30.000 se le imprese sono 3 di micro-dimensioni, € 80.000 se le imprese sono 3 di medie-dimensioni, ecc.) Somma dei massimali previsti per la singola impresa. (450.000 se le imprese sono tre, 600.000 se le imprese sono 4, ecc.). In ogni caso, l’investimento massimo attivabile non può essere superiore a € 1.000.000

Intensità dell'agevolazione

Gli aiuti per la realizzazione dei progetti di investimento, sono concessi nella forma di contributo in conto capitale a fondo perduto, anche come voucher limitatamente alle spese sostenute con fornitori nazionali. Essi sono concessi fino ad una misura massima indicata al paragrafo 3.5 del bando in relazione alla dimensione dell'impresa richiedente.

Scadenza

La presentazione delle domande di aiuto a valere sul presente Bando sarà possibile dalle ore 09:00 del 15/04/2016 alle ore 23:59 del 31/05/2016Si ricorda che dalle ore 17:00 del 31/05/2016 non sara' piu' attivo il servizio di assistenza ne' il supporto informatico.

Modalità di presentazione domande

Le domande di aiuto dovranno essere redatte e presentate esclusivamente on-line accedendo al Sistema Informatico di Sviluppo Toscana S.p.A., al seguente indirizzo URL:  https://sviluppo.toscana.it/bandi/, secondo le modalità descritte nell'apposito documento “Modalità di  presentazione delle domande” allegato al Bando. La modulistica per la presentazione della domanda deve essere compilata sul Sistema Informatico ovvero sarà resa disponibile sullo stesso, nel caso debba essere compilata separatamente e poi caricata sul sistema in upload. Qualsiasi informazione relativa al Bando e agli adempimenti ad esso connessi può essere richiesta ai seguenti indirizzi di posta elettronica:

 

Unione EuropeaRepubblica ItalianaPAR FAS 2007-2013POR FSE 2007-2013POR CREO 2007-2013PRSE 2007-2010

Copyright © 2012-2015. Tutti i Diritti Riservati.

Sviluppo Toscana S.p.A. con socio unico Cap. Soc. € 7.323.141,00 i.v. | Via Cavour, 39 - 50129 Firenze | Cod. Fisc./P.I. 00566850459 R.I. di Firenze 00566850459