image

Accesso Intranet

incubatori Toscani
Toscana Economia
Regione Toscana

Bando Ordinanza 383

NB: L'agevolazione è data dalla Banca convenzionata al beneficiario direttamente, a titolo di contributo da non restituire. La Banca concedente compensa i contributi concessi con lo Stato.

Prima di accedere alla procedura assicurarsi di avere la scheda C presentata al Comune e la Perizia Asseverata che dovranno essere uplodati in Piattaforma (Sistema Gestionale Domande). Inoltre assicurarsi di aver assolto al pagamento dell'imposta di Bollo dovuta per la presentazione della domanda da assolversi mediante versamento Agenzia delle Entrate tramite intermediario convenzionato. 

Finalità e obiettivi
La Regione Toscana, con il presente bando, intende favorire la rapida ripresa economica delle imprese che risiedono nei Comuni della Toscana, colpiti dalle calamità naturali di cui alle Ordinanze della Protezione Civile: n. 126 del 22/11/2013 (Marzo 2013), n. 134 del 26/11/2013 (ottobre 2013), n. 157 del 5/3/2014 (gennaio e febbraio 2014), n. 201 del 11/11/2014 (settembre 2014), n. 215 del 24/12/2014 (ottobre e novembre 2014), n. 255 del 25/5/2015 (marzo 2015) e n. 300 del 19/11/2015 (agosto 2015), dando attuazione a quanto previsto dalla Delibera del Consiglio dei Ministri del 28 luglio 2016, dalla conseguente Ordinanza del Capo del Dipartimento della Protezione Civile del 16 agosto 2016 n. 383 e dalla Delibera della Giunta Regionale della Toscana del 04/10/2016 n. 953.

Il Bando prevede la concessione di contributi a favore di quei soggetti privati, operanti in tutti i settori di attività economica extra-agricola, la cui attività non risulti cessata al momento della presentazione della domanda, che abbiano presentato al Comune di competenza, la Scheda “C” di accertamento danni e che abbiano sede legale od operativa nei Comuni interessati dagli eventi calamitosi di cui sopra. Le modalità per la concessione dei contributi seguono gli indirizzi attuativi previsti dalla citata Ordinanza n. 383/2016. In particolare, è prevista la concessione di agevolazioni sotto forma di: “finanziamento agevolato assistito dalla garanzia dello Stato, accordato dalle banche, a fronte del quale matura un credito di imposta, fruibile in compensazione, in misura pari, per ciascuna scadenza di rimborso, alle quote capitale e interessi, in conformità delle disposizioni per l'erogazione dei contributi a favore di attività economiche e produttive, previste dalla L. 208/2015 commi da 422 a 428”.

Destinatari/Beneficiari
Possono presentare domanda le Micro, Piccole e Medie Imprese (MPMI) regolarmente iscritte nel Registro delle Imprese, nonché i titolari di partita IVA in possesso dei seguenti requisiti:

  • Operanti in tutti i settori di attività economica, ad eccezione delle Attività agricole -codice ATECO A;
  • con sede legale od operativa nei Comuni della Toscana interessati dai seguenti eventi calamitosi:
  • eventi meteorologici che nei giorni 24 e 25 agosto 2015 hanno colpito il territorio della provincia di Siena;
  • eventi meteorologici che nei giorni 19 e 20 settembre 2014 hanno colpito il territorio delle province di Firenze, Lucca, Pisa, Pistoia e Prato;
  • eccezionali avversità atmosferiche che hanno colpito il territorio delle province di Grosseto, Livorno, Massa Carrara e Pisa nei giorni dall'11 al 14 ottobre 2014 ed il territorio delle province di Lucca e Massa Carrara nei giorni dal 5 al 7 novembre 2014;
  • maltempo di marzo 2013 in alcuni comuni delle province di Arezzo, Firenze, Livorno, Lucca, Massa Carrara, Pistoia e Prato;
  • eccezionali eventi meteorologici verificatisi nei giorni 20, 21 e 24 ottobre 2013 nel territorio della regione Toscana;
  • eccezionali avversità atmosferiche che il 5 marzo 2015 hanno colpito il territorio delle province di Firenze, Arezzo, Lucca, Massa Carrara Prato e Pistoia;
  • eccezionali eventi alluvionali verificatisi nel periodo dal 1° gennaio all'11 febbraio 2014 nel territorio della regione Toscana;
  • la cui attività, pur avendo subito danni ai beni destinati alle attività di impresa, non risulti cessata al momento della presentazione della domanda;
  • che abbia presentato, nel tempo previsto al Comune di appartenenza, la Scheda “C” di accertamento dei danni all'attività di impresa occorsi in conseguenza degli eventi calamitosi sopra elencati.

Progetti ammissibili

Il contributo è finalizzato a:

  1. ripristino strutturale e funzionale dell’immobile nel quale ha sede l’attività d'impresa;
  2. ripristino dei macchinari e delle attrezzature d'impresa danneggiati a seguito dell’evento calamitoso;
  3. acquisto di scorte di materie prime, semilavorati e prodotti finiti danneggiati o distrutti e non più utilizzabili a seguito dell’evento calamitoso.

Massimali d’investimento
I contributi sono concessi sul minor valore tra quello indicato in scheda “C” e quello risultante dalla perizia asseverata e comunque sino ad un limite massimo complessivo di Euro 450.000 per tutte le tipologie di aiuto. Le spese ammissibili non possono superare il valore del danno dichiarato dal beneficiario.

Termine iniziale

I soggetti interessati, hanno 40 giorni di tempo, a partire dal giorno successivo alla data di pubblicazione sul BURT (prevista per il 30 Agosto 2017) del decreto di approvazione del presente bando, per la presentazione della domanda di contributo all’Organismo Istruttore, Sviluppo Toscana, tramite la piattaforma online a cui si accede dalla pagina: https://sviluppo.toscana.it/bandi/

Presentazione della domanda

La domanda di contributo è il documento in formato pdf, generato in automatico dal sistema informatico di Sviluppo Toscana al momento di chiusura della compilazione, comprensivo di tutte le dichiarazioni/schede presenti on-line, firmato digitalmente da parte del legale rappresentante del soggetto richiedente il contributo e completo di tutti i documenti obbligatori descritti di seguito, nonché di tutti gli eventuali ulteriori documenti che il soggetto richiedente intende allegare in sede di presentazione della domanda di aiuto. Le dichiarazioni all'interno della domanda sono rese nella forma dell’autocertificazione ai sensi del D.P.R. n. 445/2000 e con le responsabilità di cui agli artt. 75 e 76 dello stesso. La firma digitale(11) dovrà essere apposta utilizzando dispositivi conformi alle Regole tecniche previste in materia di generazione, apposizione e verifica delle firme elettroniche avanzate, qualificate e digitali (per ogni informazione: http://www.agid.gov.it/agendadigitale/infrastrutture-architetture/firme-elettroniche/software-verifica

Non sarà ritenuta ammissibile la domanda non sottoscritta con firma digitale, quella sottoscritta con algoritmo di firma non conforme alla Deliberazione CNIPA 45/09 (SHA-1) o con chiave di firma non qualificata, la domanda sottoscritta da persona priva dei poteri di legale rappresentanza, quella sottoscritta da soggetto diverso dal dichiarante, nonché la domanda non conforme alle prescrizioni del presente Bando. La domanda di aiuto deve essere redatta esclusivamente on-line accedendo al sistema gestionale disponibile al seguente sito Internet https://sviluppo.toscana.it/bandi/ e si considera presentata solo ed esclusivamente se inoltrata per via telematica sul sistema informatico di Sviluppo Toscana, a partire dalle ore 9.00 del primo giorno successivo alla data di pubblicazione sul BURT (30 agosto 2017) del presente Bando, e fino al successivo 40 giorno, secondo le modalità di seguito descritte.

La domanda di aiuto è soggetta al pagamento dell'imposta di bollo. Tale adempimento  viene assolto mediante versamento a intermediario convenzionato con l'Agenzia delle Entrate, che rilascia la marca dotata di numero di identificazione da indicare nella domanda di aiuto. L’applicazione della marca da bollo sulla domanda di aiuto deve essere effettuata inserendo il numero e la data nell’apposito campo della scheda "Dati di domanda" presente sul sistema.

Il richiedente deve utilizzare lo schema di domanda allegato al presente bando, compilando i campi relativi alle seguenti informazioni:

  • denominazione/ragione sociale;
  • indirizzo della sede legale e dell’unità locale;
  • codice fiscale, partita iva e numero di iscrizione nel Registro delle Imprese di appartenenza;
  • nome, cognome, luogo e data di nascita, indirizzo di residenza e codice fiscale del legale rappresentante;
  • rating di legalità; (se posseduto dal richiedente)

I soggetti di cui al paragrafo 2.1 che intendono presentare domanda di contributo in forza delle agevolazioni previste dal presente bando, presentano, unitamente alla domanda, la documentazione elencata al paragrafo 4.3. La domanda si considera pervenuta contestualmente alla presentazione della domanda online. La modulistica da compilare al fine della presentazione della domanda sarà integrata sul sistema informatico https://sviluppo.toscana.it/bandi/ nella sezione dedicata al bando in oggetto ovvero resa disponibile sulla pagina informativa sul sito di Sviluppo Toscana Spa, nel caso debba essere compilata separatamente e poi caricata sul sistema in upload. Non è ammissibile la domanda presentata fuori termine, la domanda non sottoscritta digitalmente, la domanda sottoscritta da persona non titolata alla firma, la domanda sottoscritta da soggetto diverso rispetto a quello a nome del quale la stessa e' redatta, la domanda non corredata delle informazioni e dichiarazioni richieste nonché della documentazione obbligatoria richiesta, ovvero redatta e/o inviata secondo modalità non previste dal presente bando, la domanda di aiuto firmata digitalmente con algoritmo non conforme alla Deliberazione CNIPA 45/09 (SHA-1)chiave non abilitata alla firma. La domanda dovrà essere redatta in lingua italiana.

 

Unione EuropeaRepubblica ItalianaPAR FAS 2007-2013POR FSE 2007-2013POR CREO 2007-2013PRSE 2007-2010

Copyright © 2012-2015. Tutti i Diritti Riservati.

Sviluppo Toscana S.p.A. con socio unico Cap. Soc. € 7.323.141,00 i.v. | Via Cavour, 39 - 50129 Firenze | Cod. Fisc./P.I. 00566850459 R.I. di Firenze 00566850459