image

Bando Expo Dubai 2020

POR FESR 2014-2020 – Azione 3.4.2

Bando per la partecipazione ad un progetto strutturato promozionale dell’eccellenza Toscana nell’ambito di Expo Dubai 2020 

Finalità dell'intervento

La Regione Toscana con il presente Bando intende agevolare la realizzazione di progetti di investimento per la partecipazione ad un progetto strutturato promozionale dell’eccellenza toscana nell’ambito di Expo Dubai 2020 delle micro, piccole e medie imprese (MPMI), in attuazione dell'Azione 3.4.2 del POR Fesr 2014-2020, in conformità alle disposizioni comunitarie, nazionali e regionali vigenti in materia1 nonché dei principi di semplificazione e di riduzione degli oneri amministrativi a carico delle imprese. Con il presente bando la Regione Toscana concede sovvenzioni a fondo perduto, ai sensi del regime-quadro di cui al DL n. 34/2020, del Temporary Framework, entro il termine di applicazione dello stesso, vale a dire, entro il 31 dicembre 2021 e, successivamente a tale data, gli aiuti saranno concessi ai sensi del Regolamento de minimis (UE) n. 1407/2013 e ss.mm.ii., salvo ulteriori proroghe del Temporary Framework che saranno applicate automaticamente al presente intervento.

Il bando è parte del progetto regionale per l'autonomia dei giovani, Giovanisì (www.giovanisi.it).

Dotazione Finanziaria

L’apertura 2021 del bando a valere sull'Azione 3.4.2 POR FESR 2014-2020 è finanziata con lo stanziamento sul Fondo dedicato all’intervento per l’importo pari a € 500.000,00.

Destinatari

Possono presentare domanda: Consorzi, Società Consortili, Reti-Soggetto, di natura privata, anche nella forma aggregata in Reti-Contratto e Raggruppamenti temporanei (costituiti o costituendi) - con sede legale o unità locale all’interno del territorio regionale e codice Ateco ISTAT 2007 identificato come primario corrispondente ad una delle attività ammesse al paragrafo 2.2 del presente bando - che coinvolgano Micro, piccole e medie imprese così come definite dal Reg. CE n. 651/2014 esercitanti un’attività economica identificata come primaria corrispondente ad uno dei Codici ATECO ISTAT 2007 ammessi dal paragrafo 2.2 del presente bando:

Settore manifatturiero e servizi:

  • SEZ. B Estrazione di minerali da cave e miniere ad esclusione del gruppo 05.1, 05.2 e della classe 08.92
  • SEZ. C Attività manifatturiere
  • SEZ. H Trasporto e magazzinaggio ad esclusione dei gruppi 49.1, 49.3, 50.1, 50.3, 51.1, 51.2, 53.1, e 53.2
  • SEZ. J Servizi di informazione e comunicazione, ad esclusione della divisione 60 e dei gruppi 61.9 e 63.9
  • SEZ. M Attività professionali, scientifiche e tecniche
  • SEZ. S Altre attività di servizi, limitatamente alle categorie 94.11. e 96.01.1.

Settore turistico:

  • SEZ I Servizi di alloggio e ristorazione, limitatamente ai codici 55.1, 55.2, 55.3, 55.9
  • SEZ N Noleggio, agenzie di viaggio, servizi di supporto alle imprese, limitatamente ai codici 79 e 82.3
  • SEZ. R Attività artistiche, di intrattenimento e divertimento, limitatamente ai gruppi 90.03.02 e 93.29.20

ed in possesso dei requisiti di ammissibilità disciplinati ai paragrafi 2.1 e 2.2 del presente Bando.

I progetti devono complessivamente coinvolgere almeno 20 PMI, anche non aderenti ai Consorzi Società Consortili, Reti-Soggetto, che abbiano unità locali presso almeno 6 province toscane e che almeno l’65% rispetto al totale delle imprese coinvolte faccia parte di almeno 4 tra le seguenti filiere produttive regionali:

  • sistema moda (comprensivo del settore orafo),
  • arredo, design (dei sistemi: casa, camperistica, nautica),
  • meccanica,
  • agroalimentare (ad esclusione di produzione di alcool e salumi e relative lavorazioni, quali: aceti, sottaceti ecc..),
  • nautica,
  • pietre ornamentali.

Localizzazione

L’investimento oggetto dell’agevolazione deve essere realizzato da imprese localizzate nel territorio della Regione Toscana.

Spese ammissibili

Per la definizione dei servizi e delle attività ammissibili per ciascuna specifica tipologia si rimanda alla sezione C del Catalogo e al Vademecum delle spese ammissibili allegato al presente bando. Le spese per l’acquisizione di servizi all’internazionalizzazione ammissibili all’aiuto sono riconducibili alle seguenti tipologie:

  • C.1 - Partecipazione a fiere e saloni internazionali (Expo Dubai 2020)
  • C.2 - Promozione di prodotti e servizi su mercati internazionali mediante utilizzo di uffici o sale espositive all’estero (localizzate a Dubai)
  • C.3 - Servizi promozionali
  • C.4 - Supporto specialistico all’internazionalizzazione
  • C.5 - Supporto all'innovazione commerciale per la fattibilità di presidio su nuovi mercati.

E’ esclusa l’ammissibilità di progetti di internazionalizzazione che possano configurarsi quali aiuti all’esportazione secondo quanto indicato all’art. 1, comma 1, lett. d) del Regolamento (UE) n. 1407/2013 della Commissione del 18 dicembre 2013 relativo all’applicazione degli articoli 107 e 108 del trattato sul funzionamento dell’Unione europea agli aiuti “de minimis”.

I progetti di investimento non devono prevedere interventi di delocalizzazione. In nessun modo possono essere finanziate spese riconducibili a “stabili organizzazioni all'estero” dell'impresa beneficiaria, cioè unità locali aventi ad oggetto la produzione di beni e/o l'erogazione dei servizi specificamente oggetto dell'attività di impresa del soggetto beneficiario, bensì esclusivamente spese riferite ad uffici espositivi, show room o simili, come meglio definiti dal Catalogo.

Durata e termini di realizzazione del progetto

L’inizio del progetto è stabilito convenzionalmente nel primo giorno successivo alla data di approvazione e contestuale pubblicazione dell’atto di Sviluppo Toscana S.p.A. di approvazione della graduatoria finale/concessione sul relativo sito. Le imprese hanno la facoltà di sostenere le spese in data anteriore alla suddetta notifica del provvedimento amministrativo di concessione dell’aiuto. Sono, infatti, comunque ammissibili spese relative al progetto promozionale nell’ambito di Expo Dubai 2020 sostenute a decorrere dal 23 febbraio 2020. Non sono in nessun caso ammissibili progetti già conclusi alla data della presentazione della domanda. L’inizio anticipato del progetto è una facoltà a completo beneficio del richiedente e non influisce sul termine finale stabilito per la realizzazione del programma di investimento stabilito nel 30 giugno 2022.

Termine finale

I progetti di investimento devono concludersi entro il 30 giugno 2022 salvo eventuale proroga per un massimo 3 di mesi. I progetti si considerano conclusi quando i servizi sono stati erogati ed i relativi costi fatturati e pagati.

Forma e misura dell'agevolazione

Il costo totale del progetto presentato a valere sul presente bando deve essere compreso tra i valori riportati nella seguente tabella.

Tipologia di Beneficiario

Investimento minimo attivabile

Investimento massimo attivabile

Consorzio/Soc. Consortile/”Rete-soggetto”

€ 100.000,00

€ 588.235,30

RTI/”Rete-Contratto”

Somma degli importi minimi previsti per il singolo Consorzio/ Soc. consortile/Rete-soggetto

€ 588.235,30

Intensità dell'agevolazione

Gli aiuti per la realizzazione dei progetti di investimento sono concessi nella forma di sovvenzione. L’intensità dell’aiuto è pari al 85% della spesa ammessa in conto capitale a fondo perduto per ogni tipologia di spesa ammessa.

Scadenza

La presentazione delle domande di aiuto a valere sul presente Bando sarà possibile a partire dalle ore 12:00 del giorno di pubblicazione sul BURT del presente bando fino alle ore 12:00 del successivo dodicesimo giorno.

Sarà possibile presentare le domande a partire dalle ore 12:00 del 09.02.2022 fino alle ore 12:00 del 28.02.2022 (termine prorogato con DD n.2644 del 17/02/2022).

Modalità di presentazione della domanda

La domanda di agevolazione (schema di cui all’allegato 20) dovrà essere sottoscritta con firma digitale da parte del legale rappresentante del soggetto richiedente il contributo e dovrà essere corredata di tutti i documenti obbligatori di cui al paragrafo 4.3 del Bando, nelle forme in esso specificate, nonché di tutti gli eventuali ulteriori documenti che il soggetto richiedente intende allegare in sede di presentazione della domanda di agevolazione. La documentazione di cui sopra dovrà essere presentata tramite PEC all’indirizzo asa-regimidiaiuto@cert.sviluppo.toscana.it entro i termini indicati.

Contatti

Qualsiasi informazione relativa al bando e agli adempimenti ad esso connessi può essere richiesta ai seguenti indirizzi di posta elettronica a partire dal giorno di apertura del Bando (dalle ore 12:00 del 9/12/2021): 

internazionalizzazione@sviluppo.toscana.it (indirizzo di assistenza sui contenuti del bando)

Inoltre, per informazioni generali sul bando, è possibile rivolgersi anche al seguente indirizzo: info@giovanisi.it

Per ogni altra informazione si prega di consultare la documentazione pubblicata in calce alla pagina.

Gli atti relativi all'approvazione della graduatoria con Decreto n.57 del 03/03/2022  disponibili al link [dettaglio]

 

Unione EuropeaRepubblica ItalianaPOR CREO 2007-2013POR FSE 2007-2013PAR FAS 2007-2013

Copyright © 2012-2018. Tutti i Diritti Riservati.

Sviluppo Toscana S.p.A. con socio unico Cap. Soc. € 15.323.154,00 i.v. | Viale G. Matteotti, 60 - 50132 Firenze | Cod. Fisc./P.I. 00566850459 R.I. di Firenze 00566850459