image

Protocolli di Insediamento (Piombino)

PRS 2016-2020

Accordo di Programma per gli interventi di riqualificazione e la riconversione del Polo Industriale di Piombino sottoscritto in data 24 Aprile 2014
Linea 1.6 PAR FSC ex FAS 2007-2013


N.B. Con Decreto Dirigenziale n.8621 del 09.05.2022 è stata disposta la riapertura dell'Avviso protocolli di insediamento. Il termine ultimo per la presentazione delle domande è il 15 settembre 2022 ore 17:00, salvo eventuale precedente sospensione per esaurimento delle risorse oppure eventuali future modifiche ai termini richiesti alla gestione del PAR FSC relativi all'assunzione delle obbligazioni giuridicamente vincolanti. Si richiama l'attenzione che il Decreto Dirigenziale 8621 del 09.05.2022 modifica il testo dell'Avviso al Paragrafo 3.5 “Intensità dell'agevolazione” nella seguente nuova formulazione:

lettera b): Nel caso di investimenti collocati nelle aree di cui alla Carta degli aiuti a finalità regionale applicabile dal  1/01/2022 al 31/12/ 2027, nella quale sono compresi i comuni di Piombino e Campiglia Marittima, l'intensità di aiuto può essere aumentata di 10 punti percentuali per le micro, piccole e medie imprese e concessa anche alle grandi imprese con il limite massimo pari al 15% dei costi ammissibili.


Si avvisano gli utenti che il sistema gestionale del bando "Protocolli di Insediamento" è stato trasferito sul nuovo sistema di accesso sicuro di ST: 

https://accessosicuro.sviluppo.toscana.it/


Si avvisano gli utenti che ai sensi del D.D. 5028 del 04.04.2019 sono riaperti i termini per progetti di investimento rivolti all'Area di crisi industriale complessa di Piombino (Comuni di: Piombino, Campiglia Marittima, San Vincenzo, Suvereto).

Si avvisa che con la D.G.R. 12349 del 15.07.2021 sono stati fissati nuovi termini per la durata e la rendicontazione dei progetti.

La dotazione dell'intervento è pari a Euro 6.930.987,15 finanziata dalla linea 1.6 PAR FSC -ex FAS- 2007-2013. Il decreto stabilisce l'apertura per la presentazione delle domande dalle ore 10:00 del 17.04.2019 (pubblicazione dell'Avviso sul BURT n. 16 del 17.04.2019 suppl. N. 61)

I soggetti gestori dell'intervento sono: Sviluppo Toscana S.p.A. per le attività relative alla selezione dei progetti e ARTEA per le attività di Controllo e pagamento. La modalità di selezione dell'intervento è svolta "a sportello" con procedura valutativa seguita da eventuale fase negoziale.

Descrizione e finalità dell'intervento

Gli interventi ammissibili devono consistere in:

a) investimenti nell'ambito di programmi di reindustrializzazione nel territorio compreso nell'Area di crisi industriale di Piombino relativi a:

a1) nuove unità locali;

a2) unità locali già presenti sul territorio dell'Area di crisi industriale di Piombino;

a3) creazione o ammodernamento di infrastrutture di ricerca private (ai sensi dell'art. 26 del Reg. UE n. 651/2014);

b. investimenti da parte di imprese con sede legale nell'Area di crisi industriale di Piombino, la cui base sociale è costituita per almeno il 70% da ex dipendenti di aziende in crisi che hanno usufruito dell'incentivo dell'autoimprenditorialità consistente nell'anticipo del trattamento di integrazione salariale a loro concessi e non ancora goduti previsti alla Legge n. 223/1991 e dalla Legge n. 102/2009, nonché di incentivi regionali sulla creazione di imprese di cui alla L.R. n. 21/2008 e ss.mm.ii. o da programmi operativi regionali cofinanziati dai fondi strutturali.

I PdI devono prevedere i seguenti programmi di investimento, ai sensi del Regolamento generale di esenzione per categoria (Reg. UE n. 651/2014 della Commissione del 17/06/2014):

a) ricerca industriale e sviluppo sperimentale, ai sensi dell'art. 25 del Reg. (UE) n. 651/2014 (destinatari intervento: sia GI sia PMI);

b) investimenti materiali e immateriali destinati alla creazione di un nuovo investimento o all'ampliamento di uno stabilimento esistente ai sensi dell'art. 14 e ss. del Reg. (UE) n. 651/2014 (destinatari intervento: sia GI sia PMI)

c) investimenti materiali e immateriali destinati alla creazione o ammodernameto di infrastrutture di ricerca private ai sensi dell'art. 26 del Reg. (UE) n. 651/2014 (destinatari intervento: sia GI sia PMI).

Durata e termini di realizzazione del progetto

Termine iniziale

L'inizio del progetto è stabilito convenzionalmente nel primo giorno successivo alla data di sottoscrizione del contratto di insediamento.

Termine finale

Vedi Decreto 8621/2022.

Modalità e termini di comunicazione dei dati

La manifestazione d'interesse è redatta esclusivamente on-line, previo rilascio delle credenziali di accesso al sistema informativo, all'indirizzo:

https://accessosicuro.sviluppo.toscana.it/

Informazioni di utilità

Sono disponibili inoltre le seguenti email dedicate: 

 

Unione EuropeaRepubblica ItalianaPOR CREO 2007-2013POR FSE 2007-2013PAR FAS 2007-2013

Copyright © 2012-2018. Tutti i Diritti Riservati.

Sviluppo Toscana S.p.A. con socio unico Cap. Soc. € 15.323.154,00 i.v. | Viale G. Matteotti, 60 - 50132 Firenze | Cod. Fisc./P.I. 00566850459 R.I. di Firenze 00566850459